The Limited Times

Now you can see non-English news...

Ok all'Autonomia dal Cdm Ma i governatori si dividono

2023-02-02T19:17:58.646Z


Il testo ottiene il via libera. Calderoli: 'E' un giorno storico'. Critiche le opposizioni. L'ira di Bonaccini, De Luca ed Emiliano; ok da Fontana, Zaia e Tesei. Meloni: 'Coerenti con il nostro mandato'. Salvini: Promessa mantenuta'. Berlusconi: 'Iter concluso solo con il Lep". Il segretario della Cgil, Landini: 'Il progetto è sbagliato' (ANSA)


Approvato in Consiglio dei ministri il ddl sull'Autonomia differenziata, messo a punto dal ministro per gli Affari regionali, Roberto Calderoli. L'approvazione, a quanto si apprende, è avvenuta fra gli applausi. Sul testo, cui sono state apportate alcune modifiche rispetto alla bozza diramata lunedì sera ai Ministeri. Il Consiglio dei ministri era convocato per l'esame preliminare del disegno di legge sull'Autonomia differenziata, presentato dal ministro per gli Affari regionali, Roberto Calderoli. All'ordine del giorno anche il regolamento in materia di donazione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, formazione e ricerca scientifica, oltre al disegno di legge di ratifica ed esecuzione dell'accordo con il Gabinetto dei ministri dell'Ucraina sulla cooperazione di polizia, fatto a Kiev il 10 giugno 2021.

"Questo provvedimento dimostra ancora una volta che questo governo manterrà gli impegni presi, la coerenza con il mandato avuto dai cittadini, per noi, è una bussola". Lo ha detto, a quanto si apprende, la premier Giorgia Meloni dopo il varo del ddl sull'autonomia da parte del Cdm.

"Efficienza, merito, innovazione, lavoro, più diritti per tutti i cittadini in tutta Italia, meno scuse per i politici ladri o incapaci. Autonomia approvata in Consiglio dei Ministri, altra promessa mantenuta". È il testo del messaggio che il vicepremier e Ministro Matteo Salvini ha inviato nelle chat dei parlamentari e dei consiglieri regionali della Lega, subito dopo l'approvazione del ddl sull'Autonomia.

"Con il via libera in Cdm inizia ufficialmente il percorso del disegno di legge per l'attuazione dell'autonomia differenziata, è un giorno storico! Una riforma necessaria per rinnovare e modernizzare l'Italia, nel segno dell'efficienza, dello sviluppo e della responsabilità. L'Italia è un treno che può correre se ci sono Regioni che fanno da traino e altre che aumentano la propria velocità, in una prospettiva di coesione. Dopo l'ok compatto del Governo, lavoriamo insieme a Regioni ed enti locali con l'obiettivo di far crescere tutto il Paese e ridurre i divari territoriali". Così il ministro per le Autonomie, Roberto Calderoli.

Si dividono invece i governatori delle Regioni. Da una parte chi, come Bonaccini, De Luca ed Emiliano, criticano aspramente il disegno di legge; dall'altra altri presidenti, come Fontana, Zaia e Tesei, che sostengono l'iniziativa del ministro Calderoli. 

LA CONFERENZA STAMPA
"L'esistenza di cittadini di Serie A e B è una realtà, in cui la sperequazione non riguarda solo le differenze tra Nord e Sud, ma anche tra diversi territori: un problema che va risolto e che non puo' essere attribuito all' Autonomia differenziata, ma è frutto di una gestione centralista". Ha detto il ministro Roberto Calderoli nella conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri che ha approvato il ddl sull'autonomia differenziata. "Grazie ai suggerimenti di tutti i ministri è stato raggiunto un equilibrio complessivo non solo di natura politica ma anche geografica. Abbiamo un treno che è l'Italia e se rallenta un vagone, rallenta tutto il treno e con l'Autonomia avremo un treno ad alta velocità". Ha detto il ministro . Il testo del ddl sull'autonomia differenziata prevede che l'intesa con la Regione debba ricevere "il parere della Conferenze delle Regioni, dopo di che dovrà essere approvata dal Parlamento a maggioranza assoluta. Mi spiace dei toni di risentimento, e pregherei di leggere il testo prima di scatenare la contrarietà". Lo ha detto il ministro Roberto Calderoli nella conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri che ha approvato il ddl sull'autonomia differenziata. Sull'autonomia differenziata "era d'accordo anche uno dei candidati alle primarie del Pd". Ha detto il ministro Roberto Calderoli.  "Entro 12-13 mesi" il Parlamento dovrebbe approvare il ddl Calderoli mentre nello stesso arco di tempo la Cabina di regia dovrebbe varare i Lep, così da permettere "a inizio 2024" iniziare a esaminare "le proposte" di autonomia differenziata da parte del governo.

"È una scommessa vinta perché il metodo che è stato usato da dimostrazione di come le ragioni del Nord e del Sud hanno trovato un equilibrio. Autonomia significa oggi una migliore allocazione delle risorse, così che tutte le Regioni possono esprimere le loro potenzialità. Ci sarà arricchimento e non depauperamento. Oggi è una giornata importante per l'Italia. Oggi le Regioni e l'Italia hanno acquisito un punto in più". Lo ha detto Elisabetta Casellati, ministro per le Riforme istituzionali, nella conferenza stampa dopo l'approvazione in Cdm del ddl sull'Autonomia differenziata.

"Voglio dare atto al ministro Calderoli di aver svolto un lavoro di cucitura nel rapporto con tutti gli interlocutori, sia all'interno del governo che nel sistema istituzionale, per accogliere tutti i suggerimenti e migliorare e integrare questo testo. Abbiamo un testo pienamente condiviso, che è stato approvato all'unanimità dal cdm con grande convinzione e consapevolezza". Lo ha detto il ministro per gli Affari europei, il Sud, le Politiche di Coesione e il Pnrr, Raffaele Fitto, in conferenza stampa dopo il cdm che ha approvato il ddl sull'Autonomia differenziata.

Immediata la replica del governatore dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini: "La bozza Calderoli sull'autonomia differenziata approvata in Consiglio dei ministri è irricevibile e noi siamo pronti alla mobilitazione perché non è stata condivisa con la Conferenza delle Regioni, cosa clamorosa e incredibile, e perché è un'autonomia differenziata che non tiene conto delle nostre proposte e va nella direzione di spaccare il Paese". 

IL PROVVEDIMENTO
Il disegno di legge definito dal ministro per gli Affari regionali Roberto Calderoli è terreno di scontro fra maggioranza e opposizione. E nel centrodestra è soprattutto la Lega che si preparava a festeggiare l'approvazione del testo in Consiglio dei ministri, a venti giorni dalle Regionali in Lazio e Lombardia, una delle tre regioni che hanno già avviato il percorso per ottenere funzioni finora svolte dallo Stato.

Secondo il ddl di 10 articoli, l'attribuzione delle funzioni può avvenire solo dopo la determinazione dei Livelli essenziali delle prestazioni, i Lep definiti con Dpcm, entro un anno come previsto dall'ultima legge di bilancio. L'iter per l'intesa fra Regione (anche a statuto speciale) e Stato durerà almeno 5 mesi, inclusi i 60 giorni per l'esame delle Camere. Secondo la bozza di Calderoli si sarebbero dovute esprimere le commissioni, ma fra i "ritocchi" decisi nella riunione tecnica in preparazione del Consiglio dei ministri - pare anche su input di Giorgia Meloni - si dovrebbe optare per un atto di indirizzo votato in Aula.

Finanziare Lep prima di dare funzioni a Regioni. Se dalla determinazione dei Lep derivano nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, le funzioni possono essere trasferite dallo Stato alla Regione "solo dopo l'entrata in vigore dei provvedimenti legislativi di stanziamento delle risorse finanziarie coerenti con gli obiettivi programmati di finanza pubblica". È quanto prevede il ddl sull'Autonomia differenziata approvato dal Consiglio dei ministri. Si tratta di una specificazione che non era prevista nella bozza del testo diramata lunedì sera.

Autonomia:a Camere 60 giorni per atti di indirizzo su intese. Sullo schema di intesa preliminare fra Stato e Regione, dopo il parere della Conferenza unificata o comunque entro 30 giorni, le Camere hanno 60 giorni "per l'esame da parte dei competenti organi parlamentari, che si esprimono con atti di indirizzo", udito il presidente della Giunta regionale. Lo prevede il disegno di legge sull'Autonomia differenziata approvato dal Consiglio dei ministri. 

Per Lep ricognizione spesa storica dello Stato nella Regione. La ricognizione della cabina di regia sui Lep "dovrà estendersi alla spesa storica a carattere permanente dell'ultimo triennio, sostenuta dallo Stato sul territorio di ogni Regione, per ciascuna propria funzione amministrativa". Lo chiarisce la relazione illustrativa del disegno di legge sull'Autonomia differenziata, approvato dal Consiglio dei ministri. La cabina di regia entro un anno "predisporrà uno o più" decreti del presidente del Consiglio dei ministri "recanti, anche distintamente tra le 23 materie, la determinazione dei LEP e dei relativi costi e fabbisogni standard".

Le intese durano fino a 10 anni: possono essere rinnovate o terminate prima, con un preavviso (di Stato o Regione) portato da 6 a 12 mesi, per evitare disallineamenti con l'anno scolastico, in riferimento alle materie relative all'istruzione. Sono previste poi misure perequative per evitare squilibri economici fra le Regioni che aderiscono all'autonomia differenziata e quelle che non lo fanno. È il rischio che vuole evitare la premier. "Non ci rassegniamo all'idea che ci siano territori e servizi di serie A e B", ha detto nei giorni scorsi Giorgia Meloni.

Agenzia ANSA

Meloni: 'Vogliamo unire l'Italia, no a territori di serie A e B' - Politica

Intervento della premier alla presentazione del Progetto 'Polis-Casa dei servizi digitali' di Poste Italiane. Monito di Mattarella: 'Non impoverire i servizi locali' IL TESTO del Ddl sull'Autonomia differenziata (ANSA)

L'autonomia "migliorerà" il Paese e "conviene a tutti, i comuni del centro e del sud ci guadagnerebbero di più", assicura Matteo Salvini. "Le Regioni avranno più risorse e più poteri con l'autonomia, per gestire i servizi essenziali per i cittadini, a partire naturalmente dalla sanità - è il commento di Silvio Berlusconi -. Ogni anno 200mila cittadini raggiungono la Lombardia da altre Regioni per interventi chirurgici. Quindi, dobbiamo garantire a tutti una sanità di assoluta qualità".

LE VOCI DALLE REGIONI
Per il presidente della Regione Lombardia, AttilioFontana, "questa riforma non spacca un bel niente, semplicemente chiede che dei compiti che oggi svolge lo Stato vengano svolti dalle Regioni, ottenendo le cifre che oggi spende lo Stato. Quindi è soltanto una diversa organizzazione amministrativa". Il governatore lombardo riflette che il progetto di Calderoli "non parla assolutamente delle materie, parla della procedura che si dovrà seguire per arrivare all'applicazione di una parte della Costituzione. Io credo che sia un passaggio per il momento che deve portare soltanto alla predisposizione delle modalità, poi sulle materie si discuterà". 

"L'ipotesi di autonomia proposta è inaccettabile, è una proposta propagandistica che spacca l'Italia". Afferma il governatore della Campania Vincenzo De Luca commentando il provvedimento sull'autonomia regionale differenziata portata dal ministro Calderoli in Consiglio dei Ministri. "Vedremo quali decisioni - spiega De Luca - assumerà il Consiglio dei Ministri. I segnali che arrivano non sono rassicuranti. Valuteremo nel merito. Non consentiremo lo smantellamento della sanità pubblica e della scuola pubblica statale. Non consentiremo, in nessuna forma, la spaccatura dell'Italia".

Va all'attacco il presidente della Regione Emilia-Romagna e candidato alla segreteria dem Stefano Bonaccini: "La bozza Calderoli è proprio sbagliata e quindi non se ne farà nulla. Se vogliono andare avanti faremo una mobilitazione con tanta gente nel Paese". Bonaccini, però è fiducioso sul fatto che alla fine "non se ne farà nulla". Convinzione che si basa sulla "freddezza nel Governo; Fratelli d'Italia è un partito molto centralista, quindi non credo veda di buon occhio questa proposta".  E "può un Paese rischiare di avere 20 pubbliche istruzioni diverse? Noi faremmo veramente ridere il mondo. Non so se il ministro Calderoli se ne stia rendendo conto", aggiunge Bonaccini. "Abbiamo già un Paese a troppe velocità diverse".

"Questa è una giornata importante per tutti, perché dopo anni di immobilismo un Governo dimostra finalmente di avere la forza di ripensare l'assetto del nostro Paese, attuando una parte della Costituzione rimasta lettera morta per oltre 20 anni": così il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, dopo l'approvazione in Cdm del disegno di legge Calderoli sull'autonomia differenziata. "La riforma - sottolinea Cirio - dà a tutti le dovute garanzie contro ogni possibile disparità tra le Regioni, grazie alla sapiente sintesi della presidente Meloni e del Consiglio dei ministri, che ha introdotto la preventiva definizione dei Livelli essenziali di prestazione e l'istituzione di un fondo perequativo, pronto a correggere ogni eventuale diseguaglianza".

In Puglia si registra, invece, l'ira del governatore Emiliano. "Ci indigna profondamente questa cosa di voler fare l'autonomia differenziata prima delle elezioni in Lombardia" per evitare di "far fare brutta figura alla Lega", ha detto il governatore, ospite a SkyTg24. Secondo Emiliano, quindi, il governo starebbe accelerando sull'attuazione dell'Autonomia "solo per non far fare brutta figura alla Lega".

Dal Veneto, il governatore Luca Zaia osserva che quello odierno è il primo giorno di scuola. "Poi sarà un crescendo - aggiunge - verso la modernità, per dare vita al percorso che già prevedevano i padri costituenti. E' una scelta di modernità e di responsabilità; non è assolutamente l' 'affamare' le Regioni del sud o dividere l'Italia". Non sarà la fine del nostro Paese, precisa, invitando a pensare a Germania e Stati Uniti, che "vengono percepite come grandi nazioni non divise ma hanno un federalismo vero".

Secondo Vito Bardi, governatore della Basilicata, "è stato fatto un passo avanti, ma adesso occorre dare importanza ai Livelli essenziali delle prestazioni per colmare il gap tra le varie aree del paese". Bardi si è detto soddisfatto perché "sono state accolte le proposte dei presidenti del Sud e soprattutto è stata archiviata la spesa storica che ha penalizzato il Mezzogiorno".

"Siamo favorevoli alle richieste delle Regioni che chiedono maggiori livelli di autonomia. Non credo che queste richieste rappresentino in alcun modo un ostacolo alla nostra autonomia, che ha solide basi statutarie e ancoraggi internazionali". Ha detto all'ANSA il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti. "La crescita dell'autonomia in altri territori può rappresentare un'occasione importante di buon autogoverno, di cui noi siamo un modello. Inoltre, ciò legittima anche la nostra autonomia di fronte alle spinte centraliste", ha aggiunto Fugatti.

"Questa è una legge che si aspettava da tempo, non solo in virtù del dettato costituzionale ma anche di un referendum che ha visto protagoniste delle Regioni. Quindi credo che sia in linea con un percorso che comunque si debba fare". E' quanto ha affermato la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, in merito al ddl sull'autonomia differenziata. "Come Regione Umbria - ha detto all'ANSA - abbiamo partecipato ai tavoli con il ministro Calderoli che ha illustrato a tutte le Regioni la legge quadro, perché in realtà si tratta di una legge quadro. All'interno di questa normativa le Regioni potranno fare richiesta di autonomia differenziata in varie materie, in tutte quelle previste dalla Costituzione, ma anche in parte, e noi naturalmente come Regione Umbria stiamo facendo tutta una serie di valutazioni per capire che cosa è di nostro interesse".

Il governatore ligure Giovanni Toti osserva che "tutti coloro che si stanno stracciando le vesti in queste ore dovrebbero ricordare che i margini di autonomia differenziata tra territori sono una delle prerogative previste dal Titolo quinto della nostra Costituzione fin dai primi anni 2000 e non è  mai stato attuato". "I livelli di prestazione sono molto differenti già oggi senza alcuna autonomia - ha ricordato Toti -, per colpa di un centralismo che spesso ha sbagliato le scelte e per colpa di classi dirigenti locali che non sono stati capaci di valorizzare i propri territori come avrebbero  dovuto e potuto".

LE REAZIONI POLITICHE
Dalle opposizioni intanto arrivano le critiche, soprattutto per la scelta discutere il ddl prima che ci siano i Lep, di affidare la loro definizione al presidente del Consiglio, nonché di non consentire al Parlamento di partecipare alla definizione delle intese. "L'articolo 8 conferma tutti i nostri sospetti - attacca il dem Francesco Boccia -: dall'applicazione del ddl 'non derivano nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica'. È la riprova che non investono un centesimo per ridurre le diseguaglianze".  Per la deputata e candidata alla guida del Pd, Elly Schlein, "sarebbe opportuno che le Regioni del Sud e quelle guidate dal Pd chiedessero una convocazione urgente della Conferenza Stato-Regioni. Conferenza Stato-Regioni ignorata e umiliata dal governo e da Calderoli che non ha voluto fare un passaggio preventivo col voto delle Regioni". . "Oggi nel Consiglio dei Ministri arriva l'autonomia differenziata di Calderoli, scavalcando il confronto con le Regioni e col Parlamento, per avanzare un disegno di legge che divide il Paese".

L'attacco della Cgil 
Il progetto sull'Autonomia differenziata, con il disegno di legge atteso nel pomeriggio in Cdm, "è sbagliato e va contro il Paese", che "è già diviso, ha già troppe disuguaglianze. Non è quello di cui ha bisogno". Così il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, a margine del congresso della Cgil Roma e Lazio, sottolineando che tale "logica indebolisce il Paese, anche nel rapporto con gli altri Stati, rischia di mettere in discussione il rapporto con le parti sociali, perché non è stato discusso con nessuno, e svilisce il ruolo del Parlamento".

Berlusconi: "iter avviato,concluso solo con Lep".
"Con l'approvazione del testo sull'autonomia in Consiglio dei ministri, questo governo passa dalle parole ai fatti. Grazie al decisivo contributo di Forza Italia, non ci saranno cittadini di serie A e di serie B. Anche questo impegno è stato mantenuto. Questo è l'avvio di un percorso che dovrà essere condiviso in Parlamento, dove il testo potrà essere ulteriormente migliorato e che potrà ritenersi concluso soltanto dopo la definizione dei Lep e del loro effettivo finanziamento". Così il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi.

Source: ansa

All life articles on 2023-02-02

Trends 24h

Latest

© Communities 2019 - Privacy

The information on this site is from external sources that are not under our control.
The inclusion of any links does not necessarily imply a recommendation or endorse the views expressed within them.